La band nasce dai pezzi scritti dal cantante Angelo Alfieri, già portati in scena da solista durante alcune esibizioni dal vivo, come quella al Palazzetto di Acireale accompagnato dalla coreografia del corpo di ballo dell’insegnante Claudia Abbate. In seguito Angelo decide di allargare l’iniziale idea solista verso un progetto più vasto. Dall’incontro con Flavia Messinese e Valentina Ventura (ex chitarrista) sarà così che Angelo tramuterà l’origine solista nei "Maktub”, parola araba che allo stesso tempo indica sia “scrittura” che “destino” e che per questo incarna perfettamente quello che è lo spirito del gruppo: l’uomo che con le proprie scelte, con le proprie sfide scrive di giorno in giorno il proprio destino. Dopo circa un anno dalla nascita del “trio” Maktub, ed alcune uscite live come quella su invito di “Intercultura” a Palazzo Ducale di Gela o allo spettacolo di danza “vivere”, Angelo conosce Enrico, che entrerà nel gruppo in qualità di batterista, ma impugnando spesso anche la chitarra, suo strumento di formazione . Dopo qualche mese al gruppo si aggiungerà anche il bassista Gianni Giarratana. 
All’inizio del 2011 la batteria troverà un titolare d’eccellenza, il batterista Nicolò Ponzio, che affiderà al suo estro l’energia ritmica e permetterà finalmente ad Enrico Romano di potersi dedicare completamente allo strumento che meglio ne esprime il suo innato DNA musicale: la chitarra elettrica, ma dopo qualche mese, agli inizi di Maggio, Nicolò viene sostituito dall'altrettanto carismatico Tony Martorana, ritenuto uno dei batteristi gelesi emergenti più bravi. Infine, si inserisce il tastierista Gianmarco Cammalleri, che, apprezzato da tutti, conferisce ai pezzi un tocco in più grazie ai violini e al pianoforte.
Nel corso del 2012 avviene l'abbandono del gruppo da parte del tastierista Gianmarco Cammalleri e si ha la sostituzione di Enrico Romano con il chitarrista Ciccio Musumeci, personalità eclettica nel mondo del jazz.
Il gruppo è così completamente delineato nell'attuale formazione che prevede Angelo come autore e cantante, Flavia alla chitarra acustica ed elettrica e Ciccio alla chitarra elettrica, Gianni Giarratana al basso e Tony Martorana alla batteria. 
Il gruppo acquisisce una nuova musicalità irradiata della originalità di animo rock che rendono i Maktub liberi da tutto quello che è un genere specifico ma sempre alla ricerca di una propria identità nella realizzazione di un modo di fare e di portare in scena musica che ne esprima la sua unicità, così come ogni uomo è unico al mondo. Così come ogni anima si esprime nel proprio MAKTUB.

Etichetta Discografica